IndietroHomeAnteprima di stampaStampa PDF

Circolare N. 3915 - 30/07/2020 inserita da DIGILIO GRAZIELLA

Protocollo Principi e Linee Guida per il nuovo lavoro agile nella Filiera TLC

Con la presente Vi segnaliamo che in data odierna è stato stipulato con Slc-Cgil, Fistel-Cisl, Uilcom-Uil il Protocollo (che si allega) che definisce i Principi e Linee guida per il nuovo Lavoro agile nella filiera delle TLC.

L'intesa si inserisce in un contesto di relazioni sindacali che conferma il ruolo della contrattazione collettiva nell’indirizzare e accompagnare le trasformazioni in atto nella Filiera ed individua una cornice di riferimento per supportare la valorizzazione del nuovo lavoro agile ed il suo consolidamento, anche oltre la fase emergenziale ed anche attraverso la contrattazione di secondo livello, nell’ambito di modelli organizzativi che siano coerenti con le diverse specificità aziendali.

I Princìpi e Linee Guida contenuti nel Protocollo costituiscono un sistema organico volto alla tutela della salute dei lavoratori, al miglioramento dei risultati aziendali e della qualità della vita delle persone, attraverso il ricorso a modelli organizzativi in grado di adattarsi alle esigenze del lavoro e dei lavoratori, valorizzando le professionalità e la produttività delle persone, al fine di un continuo miglioramento della qualità del servizio reso.

Nel Protocollo si dà anche evidenza che tale modalità di lavoro, in prospettiva, può avere riflessi positivi anche in termini di impatto sulla sostenibilità ambientale e di una migliore vivibilità delle città e, come aspetto ancora più qualificante, si afferma una particolare attenzione alla questione di genere e di pari condizioni nella gestione dei tempi di vita e di lavoro.

Particolare attenzione è stata data all’esercizio dei diritti sindacali e al riguardo le parti hanno convenuto che il lavoro agile non modifica il sistema di diritti e libertà sindacali, individuali e collettivi.

Infine le Parti hanno individuato una procedura di monitoraggio del Protocollo con la volontà di favorirne la piena applicazione. Hanno altresì convenuto che lo stesso sarà oggetto di rivisitazione in considerazione di eventuali mutamenti normativi successivi alla conclusione dello stato di emergenza sanitaria, fermo restando che il Protocollo costituisce in ogni caso un riferimento per le successive intese in materia anche nell’ambito del CCNL TLC e di accordi di secondo livello.

La Segreteria (tel. 011/57.18.265) rimane a disposizione per ogni eventuale ulteriore chiarimento si rendesse necessario.